aktuell 134

BigData, IoT e la manutenzione dell'infrastruttura ferroviaria

La digitalizzazione sta velocemente guadagnando terreno anche nell'infrastruttura ferroviaria, la sua costruzione e manutenzione, rendendo difficile mantenere una visione completa. Conferenze, come quella tenutasi nei primi di maggio a Monaco di Baviera, aiutano, quale foro di comunicazione, con relazioni di esperti e discussioni di settore.



Zero e Uno – questa é la notizia del giorno, e quanto basta. Non si necessita di altro. Zero e uno descrivono il tutto, sono determinanti solo le loro quantità e la loro successione. Zero e uno sono i segni della digitalizzazione. Gran parte della comunicazione viene ormai effettuata per vie digitali. Allo stesso modo di immobili, apparecchiature e beni, anche molte macchine si collegano autonomamente e digitalmente su internet per connettersi. Perché allora non far comunicare anche il binario direttamente con la macchina rincalzatrice, e viceversa? Non siamo ancora arrivati a questo punto, ma abbiamo già fatto si, che gli impianti possano comunicare il loro stato per far si, che nel caso ideale, poco prima che insorgano problemi, si possa intervenire con la manutenzione – pertanto prima che si verifichino danni, costi ed il fermo. Un binario in grado di inviare continuamente messaggi di stato e condizioni del piano di posa, nonché dati relativi al transito treni e la durata di vita utile residua di determinate componenti, non é più una visione. Alla base di tutto ciò, c'è un enorme volume di afflusso di dati. „Big Data“ e il così detto „Internet delle cose“ (internazionalmente: Internet of Things, IoT), ecco le parole chiave delle possibilità future. I gestori di Ferrovie ed infrastrutture, i manutentori ed i loro fornitori, debbono essere in grado di gestire, utilizzare al meglio ed interpretare questi dati, per poter persistere anche in futuro.

Internet of Things e Big Data in Rail

„The Rise of IoT & Big Data in Rail“ é una nuova serie di eventi, concernenti la digitalizzazione della gestione ferroviaria e delle infrastrutture ferroviarie. A fine maggio 2018, si é tenuta la prima conferenza internazionale. Ben 250 esperti di imprese di alto rango di tutte le regioni europee, si sono radunati a Monaco di Baviera. 24 relatori hanno delucidato lo stato attuale ed appositi fori hanno dato la possibilità di discussione. Numerose imprese di alto livello hanno partecipato alla conferenza tenuta completamente in lingua inglese, con mostra di settore, organizzata dalla Rotaia Media di Ashford nel sud est dell'Inghilterra. L'organizzatore e Managing Director Ben Holliday ha esposto la sua intenzione: „Stiamo vivendo tempi senza precedenti nel settore della digitalizzazione e delle Ferrovie.“ Diventa pertanto sempre più importante discuterne insieme per condividere le esperienze ed analizzare soluzioni per il futuro di un'industria ferroviaria intelligente.

Digitalizzazione applicata

Anche la Plasser & Theurer é stata presente a Monaco di Baviera con alcuni delegati ed uno stand informativo. Il P&T Connected, con il suo sistema di rilevamento e valutazione-live delle condizioni di macchina, fino alla manutenzione predittiva (Predictive Maintenance), é già ben predisposto per tali compiti. Una lunga sequenza di zeri ed uno, simbolizzano, nei video pubblicitari, l'afflusso dati voluminoso e continuo. Il PlasserSmartMaintenance si occupa invece della comunicazione di singole macchine, del management della flotta e delle infrastrutture. È sempre affascinante vedere come i „Big Data“ modifichino anche i processi di lavoro, ad esempio quando all'operatore a bordo del Stopfexpress vengano comunicate le distanze tra le traverse rilevate dai sensori, e sottoposte proposte di azione. Sono queste le applicazioni pratiche rese possibili dall'incessante digitalizzazione: dai dati si ha l'informazione e dall'informazione le nozioni necessarie.

Nozioni per il lavoro pratico

La rincalzatura autonoma é possibile. Ecco uno dei messaggi chiave della Plasser & Theurer nell'ambito della conferenza sui „Big Data“. Possibile, ma non ancora in uso. Infatti, al momento, é ancora il personale esperto sul banco di guida a bordo delle macchine, a prendere decisioni, circa il processo di lavoro di rincalzatura. L'operatore ottiene però un sempre maggiore supporto digitale. Come questo supporto si realizzi in pratica, lo ha mostrato, a Monaco, Krzysztof Wilczek, Direttore di Analisi del binario, presso la Plasser & Theurer di Vienna. Bernhard Maier, Direttore del nuovissimo Start-up P&T Connected (Hagenberg im Mühlkreis), ha delucidato come i temi di una manutenzione predittiva, della sicurezza dei dati nell'automatizzazione dei processi, nonché nuove soluzioni di Cloud, possano essere implementate nel lavoro pratico. Dopo lunghi anni di ricerca si é finalmente pronti per attuare quanto ricercato in teoria, anche nel lavoro pratico di tutti i giorni. Ci si aspetta, nel senso di „Best Practice“, una maggiore qualità e più disponibilità, e, nonostante gli enormi sforzi di digitalizzazione, alla fine, una riduzione dei costi.