aktuell 135

Linea aerea di contatto nel progetto del secolo: su binario doppio attraverso le Alpi

Dopo la messa in servizio della Galleria di base svizzera del San Gottardo, il mondo ferroviario europeo attende ora, con grandi aspettative, il progresso delle due canne del Monte Ceneri.

Europten

La società con sede in Austria, esiste da oltre 98 anni. L'esperienza con le macchine operatrici della casa Plasser & Theurer risale ai primi anni 80, quando furono realizzati i primi carrelli automotori con piattaforma elevabile della serie MTW. Oggi, la Europten lavora con le migliori macchine per le linee aeree disponibili sul mercato, quali ad esempio il veicolo MTW 100.216 o l'HTW 100 E3 con trazione ibrida.

Il progetto di costruzione del secolo, la nuova trasversale ferroviaria delle alpi, ovvero NEAT, é prossimo al suo completamento. Dal febbraio 2018, la Europten, quale esperto nella costruzione della linea aerea di contatto, é al lavoro nel tunnel lungo 15 km del Ceneri. Per le barre collettrici su soffitto, debbono essere realizzati 60.000 fori. Sono questi il presupposto per i 4.500 punti di supporto, per il sistema di messa a terra ferroviaria e la tecnologia di comando (16,7 Hz). 1.000 tonnellate di materiale sono necessarie per la sola catenaria: apporto, stoccaggio intermedio, carico/scarico e montaggio. Le squadre di montaggio da 9 operatori, lavorano a regime di 2 turni di lavoro. Tutto è pianificato con precisione. In ragione della lunghezza della galleria, la logistica deve essere assolutamente accurata. Un rapido rientro per prendere qualche cosa, non è fattibile. La mattina alle 06:00, la prima squadra di lavoro, con il completo equipaggiamento, entra nel tunnel, per rientrare solo alle 22:30. In questo arco di tempo, alle 14:30, ci sarà un cambio di turno attraverso la seconda canna. L'unità di montaggio appositamente adattata, permane nel tunnel e viene trainata dall'HTW 100 E3.

„L'azionamento ibrido dell'HTW rende il lavoro molto più piacevole. Questo carro automotore é silenzioso e non lascia gas di scarico nel tunnel", come riferito dal project manager Rudolf Wank, "È inoltre in grado di incrementare il comfort di lavoro e la qualità della messa in opera, controllando con precisione la velocità di lavoro.“

L'intero impianto sarà messo in funzione, per la prima volta, nel marzo 2020. All'esterno del tunnel, verranno elettrificati più di 7 km di linea d'accesso. Una sfida è data, come ha reiferito Rudolf Wank, dalle aree di transizione della linea di contatto, con sospensione catenaria, tra il binario senza ballast nel tunnel e il binario con massicciata in pietrisco,: "Le tolleranze della quota del filo di contatto sono in ambito millimetrico. Il pantografo, alla normale pressione di contatto di 7-8 kg, non deve potersi innalzare/sobbalzare, onde evitare, ovvero ridurre, le scintille e quindi l'usura.“

L'inizio dell'esercizio di prova delle Ferrovie Federali Svizzere SBB, nel tunnel elettrificato del Ceneri, è previsto per l'estate 2020. Si viaggerà quindi diritti, attraverso le Alpi, a velocità fino a 250 km/h.